Il 19 agosto il Campionissimo in scena

Il Teatro della Rabbia presenta

CUORE DI VENTO - RACCONTARE FAUSTO COPPI

SPETTACOLO DI TEATRO MUSICA E VIDEO

DA UN’IDEA DI FRANCESCA MIGLIORE

TESTO ANTONIO KOCH

CON NICOLA FABBRI

MUSICHE ORIGINALI MATTEO DE ANGELIS

REGIA VIDEO DAVIDE SAVAIDIS

REGIA TEATRALE FRANCESCA MIGLIORE

19 agosto 2016
ore 21
Teatro dei 25 - Via Cesare Abba, 6 - Bologna
Giardino interno
Ingresso 10 euro
Info e prenotazioni info@teatrodellarabbia.com

 

fausto-coppi.jpg

«Un uomo solo è al comando; la sua maglia è biancoceleste; il suo nome è Fausto Coppi »

Fausto Coppi: 1919-1960. Un campione, una vita in salita, tesa a sfidare sempre i propri limiti in un turbine di gare e vittore, di scandali privati e di successi pubblici, fino ad una morte paradossale e a suo modo beffarda.

Lo spettacolo, uscito dalla penna pungente e lucida di Antonio Koch, si propone di ritrarre un’ossessione del nostro tempo: la competizione. Attraverso la vita del più grande ciclista italiano, ripercorsa da brani di video diretti da Davide Savaidis, Koch si interroga nuovamente sulle smanie della contemporaneità: il perfezionismo e l’ansia da prestazione. Attraverso la sensibile interpretazione dell’attore Nicola Fabbri e la misurata regia di Francesca Migliore, emerge con sguardo lucido e impietoso un ritratto crudo e angosciato di un eroe del nostro tempo.

Triangolo intrigante al Teatro dei 25

Teatro della Rabbia

presenta

Diario di un tradimento

11 marzo 2016

 

 


Teatro dei 25
 Via Cesare Abba, 6 - Bologna

Ore 21:00 Time: 9:00pm 


Ingresso: € 10,00 / Admission: € 10,00

Prenotazione consigliata, posti limitati:
e-mail a info@teatrodellarabbia.com (fino a un giorno prima)

  sms/wattsapp al +39 339 7746956

con Fabio Farnè, Nicola Fabbri, Giuliana De Meo 

Francesca Migliore regia 

Come in Tradimenti di Harold Pinter, torna il tema ricorrente del ricordo e della sua imprecisione nel ricostruire il passato. Una donna, una doppia relazione che dura da sette anni e l’approssimazione della memoria sono gli ingredienti di una storia che cominciando dalla sua fine permette allo spettatore di risalire, scena dopo scena, ai motivi che si nascondono dietro le scelte dei personaggi. Un teatro psicologico, quello dell’autore inglese, fatto di silenzi e fondato sul non detto e sulle pause in un girotondo di tre personaggi legati a doppio filo da un vissuto che ognuno ricorda a modo suo.  

 

 

 

 

 

Free via Skype

Parte la nuova stagione del Teatro della Rabbia

ANTONIO KOCH in 

INNOCENTI EVASIONI


Pensieri su Lucio Battisti 


 

 

 29 novembre 2015

Teatro in una stanza
 Via Nazario Sauro 28, Bologna
(nella galleria, n. 28/i)

Ore 16:30 Time: 4:30pm 


Ingresso: € 5,00 / Admission: € 5,00

Prenotazione consigliata, posti limitati:
e-mail a info@teatrodellarabbia.com
o sms al +39 339 7746956 (fino a un giorno prima)

Antonio Koch autore del testo e attore 

Matteo De Angelis autore delle musiche originali, voce, chitarra e tromba

Francesca Migliore regia 

Lucio Battisti rivive nel monologo di Koch, accompagnato dalla voce, dalla chitarra e dalla tromba di Matteo De Angelis.

Lo spettacolo, inserito nella mini serie teatrale Pensieri di Koch, spunti di riflessione sul mondo dei famosi e non, traccia un divertente e nostalgico monologo per ricordare Lucio Battisti a sedici anni dalla sua scomparsa. Antonio Koch, autore e attore italo-tedesco, ricostruisce attraverso canzoni, parole e riflessioni di fan, alcuni aspetti del cantautore e ne ricostruisce un’immagine più schietta e lontana da tutto ciò che già si è detto di lui.
Alla voce di Koch si intrecciano le musiche originali scritte e interpretate da Matteo De Angelis, musicista bolognese di formazione classica, che durante lo spettacolo interpreterà alcuni brani di Lucio Battisti e presenterà il suo ultimo CD Rimanenze di magazzino, contenente le musiche scritte appositamente per lo spettacolo di Koch.


http://matteodeangelis.blogspot.it/

www.teatrodellarabbia.com

Free via Skype

Il 22 aprile ultimo appuntamento della stagione col Teatro della Rabbia

IL TEATRO DELLA RABBIA
presenta
I SILENZI DEL MARE

DA PAWANA DI JEAN-MARIE LE CLEZIO

con Fabio Farnè e Nicola Fabbri

Drammaturgia e Regia di Francesca Migliore

«Awaité Pawana!», l’indiano urlò quando vide le balene grigie, nella laguna segreta dove giungevano per riprodursi. Questo è il tema della lettura-spettacolo, dove si incrociano le voci di John di Nantucket, che si imbarca a quattordici anni a bordo del Leonora, e quella del capitano Charles Melville Scammon, all’epoca poco più che ventenne. I due scoprono insieme, nel gennaio del 1856, questo luogo leggendario. Anni dopo, nel 1911, l’uno e l’altro si ricordano. Questo rifugio paradisiaco è diventato un inferno rosso sangue dove l’arpione incide il suo cammino di morte. In Pawana, che significa balena nella lingua nattick indiana, Le Clézio ci parla di un fatto reale, crudele: lo sterminio delle balene grigie nel Golfo del Messico.
Questa storia racconta la bellezza del mondo, la crudeltà del cacciatore, l’ebbrezza della caccia, gli esiti sanguinosi della scoperta. Una favola ecologica dal finale tragico, dove ancora una volta si parla della possibilità di un’economia sostenibile violata in nome della sopravvivenza della civiltà del più forte sulla fragilità della poesia e di un mondo primitivo ormai incompatibile con il nostro presente.

TEATRO DEI 25 - 22 LUGLIO 2015 ORE 21
VIA CESARE ABBA 6- BOLOGNA
INGRESSO 7 EURO
E’ GRADITA LA PRENOTAZIONE CON SMS AL 3397746956
OPPURE E-MAIL SU INFO@TEATRODELLARABBIA.COM

 

Incontro con l’autrice Marinette Pendola

Giovedì 14 maggio 2015

ore 17,30

Biblioteca Amilcar Cabral

via San Mamolo, 24 – Bologna

Da una riva all’altra del Mediterraneo:

gli Italiani di Tunisia
nei libri di Marinette Pendola

Ne parlano con l’autrice

Chiara Sebastiani, Università di
Bologna

Valentina Asioli, insegnante

Leggerà alcuni brani dei romanzi l’attrice Valentina Palmieri del Teatro della Rabbia

Marinette Pendola, scrittrice, è nata
a Tunisi da genitori di origine siciliana. Il suo primo romanzo si intitola
La riva lontana (Sellerio, 2000). Nel 2014 ha pubblicato La traversata
nel deserto (Arkadia editore).

Deserto è quello spazio vasto e desolato
che l’individuo deve necessariamente attraversare partendo dal luogo di
origine, se vuole giungere all’approdo definitivo. È lo spazio dell’abbandono
e della solitudine, del viaggio e della vita sospesa dell’emigrante; lo
spazio percorso da una famiglia costretta, dalle circostanze della Storia,
a lasciare la propria terra, in un momento - gli anni Sessanta del Novecento
- in cui si riversano in Europa, dal Sud Mediterraneo, navi cariche di
Europei che abbandonano le ex-colonie.

La traversata del deserto narra l’odissea
di una famiglia - e nel contempo di una comunità - espulsa da Tunisi e
rimandata in Italia: lo sbarco in Sicilia, l’arrivo a Napoli, il campo
profughi in Ciociaria e poi la Bologna del boom economico ….. storie
di composta sofferenza, rassegnazione, stupore verso il “nuovo”.
I protagonisti di questo romanzo, mentre il viaggio si compie e la meta
si avvicina, fanno i conti con i ricordi, le speranze, le illusioni, archiviando
definitivamente il passato per ricominciare una nuova vita, italiani di
allora che affrontano l’esperienza dei profughi di oggi.

________________________

Biblioteca Amilcar Cabral  - Via
San Mamolo 24, 40136 Bologna -amicabr@comune.bologna.it  - tel. 051 581464051 581464
fax 051 6448034051 6448034 -www.centrocabral.com

emigranti

Free via Skype

il 12 aprile torna il duo Koch-De Angelis

12 APRILE 2015 / Sunday, April 12th, 2015

Teatro della Rabbia presenta, per la rassegna Pensieri di Koch 

ANTONIO KOCH in 

INNOCENTI EVASIONI - Theatre 
Pensieri su Lucio Battisti 

Bologna, BO, Italy

 

 

 Teatro in una stanza
 Via Nazario Sauro 28, Bologna
(nella galleria, n. 28/i)

Ore 16:30 Time: 4:30pm 


Ingresso: € 5,00 / Admission: € 5,00

Prenotazione consigliata, posti limitati:
e-mail a info@teatrodellarabbia.com
o sms al +39 339 7746956 (fino a un giorno prima)

Antonio Koch autore del testo e attore 

Matteo De Angelis autore delle musiche originali, voce, chitarra e tromba

Francesca Migliore regia 

Lucio Battisti rivive nel monologo di Koch, accompagnato dalla voce, dalla chitarra e dalla tromba di Matteo De Angelis.

Lo spettacolo, inserito nella mini serie teatrale Pensieri di Koch, spunti di riflessione sul mondo dei famosi e non, traccia un divertente e nostalgico monologo per ricordare Lucio Battisti a sedici anni dalla sua scomparsa. Antonio Koch, attore e autore italo-tedesco, ricostruisce attraverso canzoni, parole e riflessioni di fan, alcuni aspetti del cantautore e ne ricostruisce un’immagine più schietta e lontana da tutto ciò che già si è detto di lui. “Lucio Battisti era la carne - dichiara l’autore - ma sono convinto che è rimasto un po’ bambino…”
Alla voce di Koch si intrecciano le musiche originali scritte e interpretate da Matteo De Angelis, musicista bolognese di formazione classica, che durante lo spettacolo interpreterà alcuni brani di Lucio Battisti e presenterà il suo ultimo CD Rimanenze di magazzino, contenente le musiche scritte appositamente per lo spettacolo di Koch.


http://matteodeangelis.blogspot.it/

www.teatrodellarabbia.com

Call

Send SMS

Add to Skype

You’ll need Skype CreditFree via Skype

Duras in marzo

Teatro della Rabbia
presenta
Improvvisazione con forme fredde
 omaggio a Marguerite Duras
una scena dello spettacolo
 con Valentina Palmieri, Nicola Fabbri, 
Fabiola Ricci, Fabio Farnè 
 
Foto di scena Antonio Koch
Drammaturgia e Regia Francesca Migliore

In questi giorni così difficili per la Francia, il Teatro della Rabbia ripercorre alcuni testi di Marguerite Duras, della quale ricorreva nel 2014 il centenario della nascita. Atmosfere squisitamente francesi, nello specifico il romanzo  Détruire dit-elle e il testo teatrale Suzanna Andler, molto simili per temi e temperie emotiva: una donna, due uomini, l’indecisione, l’alcolismo, la malinconia di un paesaggio di mare invernale, pieno di vento e di ricordi, la musica che trascina nel passato.

In un’atmosfera di spasmodica tensione al comunicare, sempre frustrata, questo spettacolo ci conduce attraverso uno sguardo femminile in vertiginosa prossimità di paesaggi interiori profondamente sconvolti.

Il racconto cresce così come una specie di cerchio che neutralizza la vita e la sospende ad un silenzio straniante. Lo sguardo della donna ritratta, che pure sembrava all’inizio cercare solo lo sguardo del marito, per giungere con lui infine alla parola essenziale del loro incontro, vagando è attratto man mano dalla magnetica vibrazione corporea dell’altro uomo, col quale forse potrà iniziare una nuova vita.

22 marzo 2015 ore 21

Leggere Strutture Art Factory
Via Ferrarese 169 - Bologna
Ingresso 6 euro
posti limitati, è gradita la prenotazione
 mailto:info@teatrodellarabbia.com

La traversata del deserto - presentazione del romanzo di Marinette Pendola



Teatro della Rabbia
presenta
La traversata del deserto

 

presentazione del romanzo di Marinette Pendola 
l’attore Nicola Fabbri leggerà alcune pagine 
accompagnato alla fisarmonica dal vivo 
da Giuliano Tedeschi
sarà presente l’Autrice che risponderà 
alle domande del pubblico
seguirà piccolo rinfresco









18 marzo 2015 ore 21

Libreria Biblion
Via San Donato 106 - Granarolo dell’Emilia- BO
Ingresso Libero
051/760502051/760502
 mailto:info@teatrodellarabbia.com




Call

Send SMS

Add to Skype

You’ll need Skype CreditFree via Skype

Omaggio alla Francia il 23 gennaio al Teatro dei 25

 

Teatro della Rabbia


presenta


Improvvisazione con forme fredde


 omaggio a Marguerite Duras



emily-046.jpg



 con Valentina Palmieri, Nicola Fabbri, 

Fabiola Ricci, Fabio Farnè 

Luci e Fonica Eva Bruno 
Foto di scena Antonio Koch



Drammaturgia e Regia Francesca Migliore

In questi giorni così difficili per la Francia, il Teatro della Rabbia ripercorre alcuni testi di Marguerite Duras, della quale ricorreva nel 2014 il centenario della nascita. Atmosfere squisitamente francesi, nello specifico il romanzo  Détruire dit-elle e il testo teatrale Suzanna Andler, molto simili per temi e temperie emotiva: una donna, due uomini, l’indecisione, l’alcolismo, la malinconia di un paesaggio di mare invernale, pieno di vento e di ricordi, la musica che trascina nel passato.

In un’atmosfera di spasmodica tensione al comunicare, sempre frustrata, questo spettacolo ci conduce attraverso uno sguardo femminile in vertiginosa prossimità di paesaggi interiori profondamente sconvolti.

Il racconto cresce così come una specie di cerchio che neutralizza la vita e la sospende ad un silenzio straniante. Lo sguardo della donna ritratta, che pure sembrava all’inizio cercare solo lo sguardo del marito, per giungere con lui infine alla parola essenziale del loro incontro, vagando è attratto man mano dalla magnetica vibrazione corporea dell’altro uomo, col quale forse potrà iniziare una nuova vita.




23 gennaio 2015 ore 21

Teatro dei 25 

Via Cesare Abba, 6- Bologna

Ingresso 9 euro

posti limitati, è gradita la prenotazione
 info@teatrodellarabbia.com

Free via Skype

One man show di Koch il 30 novembre

Teatro della Rabbia presenta

per la rassegna un Tè a Teatro

ANTONIO KOCH in

Rimanenze di magazzino

pensieri di un lavoratore precario
(40 buoni motivi per non avere 40 anni)


TESTO aNTONIO KOCH

chitarra e tromba live Matteo de Angelis


regia di Francesca Migliore


AL MONOLOGO SEGUIRà UNA MERENDA VEGANA CURATA
DALL’ASSOCIAZIONE ARTI POVERE PRATELLO


DOMENICA 30 NOVEMBRE 2014 – ORE 16.30

tEATRO IN UNA sTANZA, vIA nAZARIO sAURO, 28 (NELLA GALLERIA)

ingresso 6 euro (biglietto + merenda vegana)

Si consiglia la prenotazione causa posti limitati
Prenotazioni via e-mail su info@teatrodellarabbia.com oppure
sms 3397746956 entro la mezzanotte del giorno prima
WWW.TEATRODELLARABBIA.COM

L’autore-attore bolognese si interroga sul malcontento di un’intera generazione in un divertente monologo che affronta il tema della precarietà del tempo presente. Quel che ne emerge è l’incertezza di un’intera generazione che non riesce a ritagliarsi uno spazio nella società.

Alla voce di koch si alternano le musiche originali live di Matteo de Angelis alla tromba e alla chitarra.

Antonio e Matteo