Archive for Giugno, 2009

Le città invisibili al Colibrì: il 2 luglio il Teatro della Rabbia saluta gli amici prima delle vacanze

 

Il Teatro della Rabbia saluterà amici, soci e sostenitori il 2 luglio 2009 alle ore 21 allo Spazio Colibrì (Via Cantinelli 16, Bologna- zona Stadio) con una serata molto speciale. Dal 2003 infatti la compagnia ha avviato un laboratorio permanente sul testo Le città invisibili di Italo Calvino. Prima presentato nel 2003 come spettacolo di teatro-danza con Pierpaolo Zizzi, Francesca Vaccaro e Amalia Salemme, poi ripresentato e rielaborato più volte nei contesti più disparati, Altrove, questo il titolo di lavoro e la linea guida che nel corso degli anni ha indirizzato il filo di questa ricerca, accomunata dalle musiche originali di Roberto Passuti e dalla regia di Francesca Migliore, approda oggi in una veste nuova al Colibrì.  Dal Teatro San Martino al Circolo Pavese, dalla Ca’ Bedosti al Rumba Café, vi mostreremo gli esiti non definitivi di una corrispondenza di amorosi sensi tra autore, regista, musicista e interpreti, sperando di coinvolgervi in un dialogo che nel corso degli anni è diventato sempre più intenso e appassionato. A quelli che non sono mai venuti, a quelli che sono venuti tutte le volte, a quelli che se lo ricordano appena, a quelli che hanno dimenticato. Altrove, 2 luglio 2009 ore 21, Spazio Colibrì, con Silvia Brandolini e Nicola Fabbri,  musiche originali di Roberto Passuti, regia di Francesca Migliore. Ingresso 5 €.

Ecco una piccola scheda dello spettacolo:

Che cos’è oggi la città per noi? Penso di aver scritto qualcosa come un ultimo poema d’amore alle città, nel momento in cui diventa sempre più difficile viverle come città.
Italo Calvino

Il viaggiatore torna e riparte in continuazione, e racconta delle città che ha visto. Tutte queste città sono luoghi possibili ma anche inventati, spazi onirici dove la realtà e la fantasia si confondono, dove si incontrano persone perdute da anni, dove si stringono alleanze e si tentano scommesse sulla propria esistenza. L’altrove è un luogo che i tre personaggi, quelli a cui viene raccontato il viaggio, provano a immaginare, e spesso la loro fantasia raggiunge questi luoghi e li trasforma, rendendoli vicini e abitabili. Uno spettacolo tutto incentrato sullo sguardo affascinato sulle cose, tra ironia, malinconia e leggerezza. Lo spettatore viene catturato dal mondo stupito e curioso dei personaggi, si identifica con loro, sente proprie le loro esperienze e si trasforma. Mai nessun viaggio se non questo ha potuto dimostrare che «tutto ciò che è qui è altrove; e tutto ciò che non è qui non è da nessuna parte».

Posti limitati. E’ richiesta la prenotazione entro il 2 luglio alle 12 inviando una mail a contacts@teatrodellarabbia.com. Attendere conferma per considerarsi prenotati.

Emily Dickinson al Colibrì il 25 giugno alle 21

 

Il Teatro della Rabbia si si confronta nuovamente con la poesia in un recital di testi di Emily Dickinson, interpretato con passione e delicatezza di toni di Valentina Palmieri, per la regia di Francesca Migliore. L’assenza cercata è una lettura-spettacolo riconducibile ad una danza di voci e parole, come onde che sbattono sulla scogliera; vuole essere un omaggio alla scrittrice americana nata in Massachussetts e vissuta a metà dell’Ottocento. Con quasi 1800 poesie, riordinate e pubblicate solo dopo la sua morte, un’infinità di lettere con le quali entrava in contatto con il mondo, ed una vita segnata dalla perdita e dalla tragedia, la Dickinson lascia nei suoi versi il segreto di un’intera esistenza, nelle sue parole la vana sofferenza per l’abbandono e fra le righe l’indispensabilità della rinascita. L’assenza cercata, fa emergere il pensiero più intimo della poetessa nel periodo in cui, insieme alla scelta di una volontaria reclusione, aveva preso l’abitudine di vestirsi solo di bianco, mentre trascorreva il tempo nella solitudine della sua stanza e scriveva lunghe lettere alla cognata amatissima.
Le musiche originali sono di Roberto Passuti.
L’assenza cercata, 25 giugno ore 21, Spazio Colibrì, Via Cantinelli 16, Bologna (Zona Stadio). Ingresso 5 € solo su prenotazione inviando una mail a contacts@teatrodellarabbia.com.