Archive for Luglio, 2013

Giovedì 18 luglio a Corte Saragozza vita di Antonia Pozzi, poetessa italiana

images3.jpg

TEATRO DELLA RABBIA

presenta

 

Intorno ad Antonia

Vita di Antonia Pozzi

 

DRAMMATURGIA E REGIA DI FRANCESCA MIGLIORE
18 LUGLIO 2013 ORE 21.30

CORTE DEL QUARTIERE SARAGOZZA, VIA PIETRALATA, 58
con Valentina Palmieri e  Nicola Fabbri,

musiche originali di Roberto Passuti

 

Lo spettacolo vuole ricostruire, nel centenario della nascita di questa
poetessa italiana dimenticata dai programmi scolastici, il percorso
esistenziale di una donna che attraverso la poesia delineò la parabola di
un’intera esistenza di morte e di rinascita, nel quale la parola poetica diventa
riscatto necessario di una vita affettiva ostacolata dal perbenismo dell’epoca.

Ingresso 5 € - In caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà presso la Sala
Cenerini, sede del Quartiere Saragozza, allo stesso indirizzo
INFO: www.teatrodellarabbia.com- info@teatrodellarabbia.com -339/7746956

Emily Dickinson l’11 luglio a Corte Saragozza

 images2.jpg

TEATRO DELLA RABBIA

presenta

 

L’Assenza cercata

Vita di Emily Dickinson

11 LUGLIO 2013 ORE 21.30
CORTE DEL QUARTIERE SARAGOZZA, VIA PIETRALATA, 58

con Valentina Palmieri, musiche originali di Roberto Passuti; drammaturgia e
regia di Francesca Migliore.

Lo spettacolo, riconducibile ad una danza di voci e parole, come onde che
sbattono sulla scogliera, vuole essere un omaggio alla scrittrice americana
nata in Massachussetts e vissuta a metà dell’Ottocento. Quasi 1800 poesie,
riordinate e pubblicate solo dopo la suamorte, un’infinità di lettere con le quali
entrava in contatto con il mondo, ed una vita segnata dalla perdita e dalla
tragedia, la Dickinson lascia nei suoi versi il segreto di un’intera esistenza,
nelle sue parole la vana sofferenza per l’abbandono e fra le righe
l’indispensabilità della rinascita.

Ingresso 5 € - In caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà presso la Sala
Cenerini, sede del Quartiere Saragozza, allo stesso indirizzo
INFO: www.teatrodellarabbia.com- info@teatrodellarabbia.com -339/7746956

Campana poeta incompreso in Corte Saragozza il 4 luglio

Logo Bè

 

Il Teatro della Rabbia

presenta

Tutto il dolore non importa

raccontare Dino Campana

 

 

 

con Nicola Fabbri e Valeria Ianniello

musiche originali Roberto Passuti

regia video Davide Savaidis

contributi audio Matteo de Angelis

voci recitanti Niccolò Baldari, Nicola Fabbri,

Valentina Palmieri

Nel video Dino Campana è interpretato

da Antonio Koch

 

 

drammaturgia e regia Francesca Migliore

 

 

4 luglio 2013 ore 21.30

Corte del quartiere Saragozza

Via Pietralata, 58 (Bologna)

In caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà presso la Sala Cenerini, allo stesso indirizzo

Ingresso 5 € - Posti limitati. Si consiglia la

prenotazione inviando un’e-mail a

info@teatrodellarabbia.com (attendere conferma)

 

 

Lo spettacolo utilizza il doppio binario del linguaggio teatrale e di quello audiovisivo. Accanto a brani di video in forma di biopic, che raccontano la vita di Dino Campana, poeta pazzo incompreso dalla famiglia e dal paese natale, si alternano momenti recitati che inquadrano un episodio particolare di quella vita: l’amore con Sibilla Aleramo.

Passioni e sentimenti, paure, tenerezze, invocazioni, tradimenti, ricongiungimenti, miseria e malattia: tutto sotto “Un cielo fatto solo d’amore”. È l’incontro di Dino Campana con Sibilla Aleramo, incontro straordinario, come le lettere che i due amanti si scrissero. Ogni pagina di questo carteggio è un viaggio, esaltante e senza soste, che ha inizio sotto il sole infuocato dell’agosto 1916, e si interrompe nel gennaio del 1918, davanti al cancello del manicomio di San Salvi, dove lui viene internato per quattordici anni, fino a morire all’improvviso per cause sconosciute. I Canti Orfici, unica e grande opera di Campana, lo manterrà vivo oltre la morte. L’Aleramo, che trasformò la sua lunga vita in letteratura, mai riuscì a raccontare la sua storia con Dino. Ne affidò la memoria a queste lettere, consentendone la pubblicazione nel 1958, a due anni dalla sua morte.