Archive for the 'Libri' Category

Incontro con l’autrice Marinette Pendola

Giovedì 14 maggio 2015

ore 17,30

Biblioteca Amilcar Cabral

via San Mamolo, 24 – Bologna

Da una riva all’altra del Mediterraneo:

gli Italiani di Tunisia
nei libri di Marinette Pendola

Ne parlano con l’autrice

Chiara Sebastiani, Università di
Bologna

Valentina Asioli, insegnante

Leggerà alcuni brani dei romanzi l’attrice Valentina Palmieri del Teatro della Rabbia

Marinette Pendola, scrittrice, è nata
a Tunisi da genitori di origine siciliana. Il suo primo romanzo si intitola
La riva lontana (Sellerio, 2000). Nel 2014 ha pubblicato La traversata
nel deserto (Arkadia editore).

Deserto è quello spazio vasto e desolato
che l’individuo deve necessariamente attraversare partendo dal luogo di
origine, se vuole giungere all’approdo definitivo. È lo spazio dell’abbandono
e della solitudine, del viaggio e della vita sospesa dell’emigrante; lo
spazio percorso da una famiglia costretta, dalle circostanze della Storia,
a lasciare la propria terra, in un momento - gli anni Sessanta del Novecento
- in cui si riversano in Europa, dal Sud Mediterraneo, navi cariche di
Europei che abbandonano le ex-colonie.

La traversata del deserto narra l’odissea
di una famiglia - e nel contempo di una comunità - espulsa da Tunisi e
rimandata in Italia: lo sbarco in Sicilia, l’arrivo a Napoli, il campo
profughi in Ciociaria e poi la Bologna del boom economico ….. storie
di composta sofferenza, rassegnazione, stupore verso il “nuovo”.
I protagonisti di questo romanzo, mentre il viaggio si compie e la meta
si avvicina, fanno i conti con i ricordi, le speranze, le illusioni, archiviando
definitivamente il passato per ricominciare una nuova vita, italiani di
allora che affrontano l’esperienza dei profughi di oggi.

________________________

Biblioteca Amilcar Cabral  - Via
San Mamolo 24, 40136 Bologna -amicabr@comune.bologna.it  - tel. 051 581464051 581464
fax 051 6448034051 6448034 -www.centrocabral.com

emigranti

Free via Skype

La traversata del deserto - presentazione del romanzo di Marinette Pendola



Teatro della Rabbia
presenta
La traversata del deserto

 

presentazione del romanzo di Marinette Pendola 
l’attore Nicola Fabbri leggerà alcune pagine 
accompagnato alla fisarmonica dal vivo 
da Giuliano Tedeschi
sarà presente l’Autrice che risponderà 
alle domande del pubblico
seguirà piccolo rinfresco









18 marzo 2015 ore 21

Libreria Biblion
Via San Donato 106 - Granarolo dell’Emilia- BO
Ingresso Libero
051/760502051/760502
 mailto:info@teatrodellarabbia.com




Call

Send SMS

Add to Skype

You’ll need Skype CreditFree via Skype

 

TEATRO DELLA RABBIA
presenta
L’ASSENZA CERCATA
reading di poesie di Emily Dickinson

 9 luglio 2012 ore 21
CORTE DEL QUARTIERE SARAGOZZA VIA PIETRALATA, 60

con Valentina Palmieri, musiche originali Roberto Passuti;
drammaturgia e regia Francesca Migliore.

Lo spettacolo, riconducibile ad una danza di voci e parole, come onde che sbattono sulla scogliera, vuole essere un omaggio alla scrittrice americana nata in Massachussetts e vissuta a metà dell’Ottocento. Quasi 1800 poesie, riordinate e pubblicate solo dopo la sua morte, un’infinità di lettere con le quali entrava in contatto con il mondo, ed una vita segnata dalla perdita e dalla tragedia, la Dickinson lascia nei suoi versi il segreto di un’intera esistenza, nelle sue parole la vana sofferenza per l’abbandono e fra le righe l’indispensabilità della rinascita. L’ Assenza Cercata fa emergere il pensiero più intimo della poetessa nel periodo in cui, insieme alla scelta di una volontaria reclusione, aveva preso l’abitudine di vestirsi solo di bianco, mentre trascorreva il tempo nella solitudine della sua stanza e scriveva lunghe lettere alla cognata amatissima.

Continua con grande entusiasmo il cammino intrapreso nel 1995 dal Teatro della Rabbia attraverso il tema del ricordo e della memoria. Due figure di poeti, Dino Campana, soggetto dello spettacolo dello scorso 22 giugno ed Emily Dickinson  sono alla base dei due momenti che compongono la  rassegna denominata Gocce di teatro - un’ora un’emozione. Nel spazio intenso di un’ora, questi due personaggi vengono scandagliati sul filo della parola poetica, filtrata dal senso di esclusione che ha condizionato la loro vita, integrando linguaggio multimediale, canto e teatro nella versione inedita di figure ormai entrate nell’immaginario di tutti noi.
Ingresso  5 €   www.teatrodellarabbia.com -  ilteatrodellarabbia@libero.it

lassenza-cercata-ok2.jpg

Il 18 novembre una finestra sull’Africa

Il 18 novembre al Cubo di Via Zanardi 249 alle 21

 

il Teatro della Rabbia

 

in collaborazione con l’Associazione Tomax Teatro

 

presenta

 

Canti d’ombra

 

recital poetico da Léopold Sédar Senghor

 

con Alice De Toma e Fabio Farnè, regia di Francesca Migliore

Coinvolgente ed originale, lo spettacolo affronta il tema dell’esilio, mentre si fa strada verso la sognante terra africana e ne coglie l’essenza fino a scoprirne un’insospettabile e singolare familiarità.

Léopold Sédar Senghor è stato un politico e poeta senegalese di lingua francese che si è affermato tra le due guerre e  tra il 1960 ed il 1980 è stato il primo presidente del Senegal. Egli è considerato da molti come uno dei più importanti intellettuali africani del XX secolo, contribuendo con le sue opere alla riscoperta della cultura africana.

Analogamente all’azione politica, anche la sua produzione poetica è alla continua ricerca di una fratellanza universlae, al di sopra delle razze e degli interessi economici. Se la sua lirica non conosce vendetta o ribellione, tuttavia non esita e denunciare gli orrori del colonialismo. L’odio ancestrale verso l’Europa viene superato attraverso il perdono, per costruire con l’antico oppressore una nuova società.

Ingresso libero riservato ai soci del Teatro della Rabbia. (tessera associativa annuale 5 euro)

 

 


 

Ho qualcosa da dirti - Hanif Kureishi cancella se stesso

 

Convince poco l’ultimo romanzo di Hanif Kureishi, Ho qualcosa da dirti, ed. Bompiani, trad. Ivan Cotroneo.

Lo psicanalista Jamal  è alle prese coi folleggiamenti di una sorella tatuata di mezz’età, Miriam,  e di  una madre che si scopre lesbica a settant’anni, mentre la  ex-moglie  riprende a lavorare dopo una maternità decennale per spendere il suo tempo libero nei club per scambisti. Il suo migliore amico, regista teatrale in crisi, tenta di riscattarsi con una serie di esperienze postadolescenziali, e intanto intreccia una relazione tempestosa con Miriam mentre il dottore delle anime viene risucchiato in un vortice di beghe familiari da dopo divorzio. Questo il quadro complesso e sfaccettato che movimenta lo scenario, la Londra contemporanea, ambientazione fitta di richiami culturali alla Match Point: ed è qui che il protagonista ritrova una ragazza anglo indiana un tempo amata e svanita nel nulla, e l’ombra di un omicidio commesso e rimasto impunito che insidia il suo grigio presente. Un pasticcio inconsistente, poco realistico, che fa da sfondo ad un tema interessante, il solito passato che ritorna, trattato come sempre da questo autore con sguardo lucido, disincantato e penetrante, ma che non lo porta da nessuna parte.

Peccato, mi aspettavo di più dall’autore di Intimacy. Solo per appassionati di Kureishi.

Due articoli su Stieg Larsson

 

Continuo la mia opera di proselitismo pubblicando due articoli sull’autore della trilogia Millennium.

 

La trilogia noir dell’hacker buona, di Irene Bignardi
(24 nov 2007)
Dopo la lettura di questo nerissimo noir, almeno una convinzione si radica nel lettore: addio privacy. Viviamo in un mondo in cui tutti i nostri dati sono a disposizione di qualsiasi hacker di alta qualità e dei loro committenti, le indagini si fanno davanti alle schermate di un computer, dallo schermo di un computer si fanno e si disfano fortune. Ma non solo: di tutto quello che facciamo, in un mondo documentato da infinite forme di registrazione dei dati, resta una traccia. Basta che ci sia chi vuole vederle, un po’ alla maniera di Blow up.

Fortunatamente, in questo romanzo “Uomini che odiano le donne”, che è stato un caso editoriale in Svezia e che è il primo di una trilogia scritta da un autore purtroppo scomparso prematuramente, lo hacker in realtà è una hacker, molto tatuata, molto magra, molto carina, molto ribelle, e lavora per la causa dei buoni, anzi del buono: un giornalista economico momentaneamente in disgrazia che, per incarico di uno importante industriale, sta cercando la verità sul caso di sua nipote, scomparsa misteriosamente trent’anni prima.

Siamo in Svezia, e la ragazza apparteneva a una di quelle grandi cupe ricche famiglie piene di pieghe e di misteri che il cinema scandinavo ci ha così spesso raccontato. Ma qui, tra i Vanger, la grande dinastia industriale in crisi, i padroni di una intera regione, gli intrecci e i silenzi sono carichi di innominabili orrori nascosti che solo Mikael Blomkvist con l’aiuto della giovane hacker Lisbeth Salander (li ritroveremo nelle altre due puntate della trilogia, certamente in arrivo) riuscirà a scoperchiare. Fino a un certo punto: perché anche il dovere di dire la verità, ci dice Larsson, ha dei limiti in altri diritti, e nei diritti degli altri. E il suo thriller, troppo ricco ma sempre appassionante, tra una discussione sull’etica del costume giornalistico e una corsa tra le banche di Zurigo, disegnare anche un quadro interessante della società e dei costumi svedesi di oggi e di ieri.

L’estate dei libri «pesanti». Il mattone che trionfa in libreria

di Giovanni Pacchiano

Sono un larssoniano della primissima ora. Fa fede la mia recensione al primo romanzo della sua Trilogia «Millennium», Uomini che odiano le donne (Marsilio, pagg. 676), apparsa su queste pagine il 9 dicembre 2007. Sono altresì un larssoniano fanatico: inizi a leggerlo e non te ne puoi staccare un attimo. E ti avvicini alla fine della storia, una storia-fiume, con la sensazione, per niente bella, che, chiuso il libro, non saprai cosa fare della tua vita. Almeno per un po’.
Il fatto è che non succede a me solo. Ho regalato Uomini che odiano le donne a destra e a manca. L’ho consigliato a chiunque mi capitasse a tiro. La reazione è stata unanime. «Cosa farò quando lo avrò finito?», mi ha detto un’amica. E un altro: «È come una droga». Una droga. Tant’è vero che, per non aspettare l’uscita in traduzione degli altri due romanzi, a suo tempo li ho comprati in francese (Actes Sud).
Oggi, Larsson, per via di un frenetico passaparola, rafforzato dall’uscita in italiano del secondo romanzo, La ragazza che giocava con il fuoco(Marsilio, pagg. 754), è diventato un fenomeno mediatico. Merito, certo, dell’ottima costruzione dei suoi romanzi, della continua suspense, dell’attenzione alla psicologia dei personaggi e a un inquieto versante sociale della Svezia che, in molti, non conoscevamo. Ma lo è diventato anche per le caratteristiche dei suoi libri, di immensi romanzi-fiume (sì, come quelli dell’Ottocento: Hugo, Dickens, Collins, Tolstoj). Ciò che lo inserisce in una propensione al romanzo-fiume divenuta oggi una moda. Ma qui si tratta, per buona sorte, non di grossolani polpettoni, ma di romanzi-fiume di qualità. Ce ne sono altri: ad esempio, la serie dei romanzi di Henning Mankell che vedono protagonista il commissario Wallander (Marsilio). Almeno un romanzo di Leif G.W. Persson, /Tra la nostalgia dell’estate e il gelo dell’inverno/ (Marsilio, pagg. 588) che può stare alla pari con Stieg Larsson. E non è necessario radicarsi in Svezia. Pensiamo alla fortuna di un altro romanzo-fiume come il recente /Un cappello pieno di ciliege/ (Rizzoli, pagg. 860) di Oriana Fallaci. O all’americano Gordon Dahlquist con /La setta dei libri blu/ (Bompiani, pagg. 796): un mix rétro tra Wilkie Collins e Arthur Machen.
E veniamo dunque al punto che più ci importa. Perché, oggi, il grande successo dei romanzi-fiume di qualità?
Il protagonista, almeno così crediamo, è un lettore colto. Ha più di quarant’anni (ma può averne anche settanta e passa). È deluso dalla vita pubblica e dal crollo dei valori di un mondo perbene ormai scomparso. Si sente, inoltre, accerchiato dalla cattiva letteratura e prova il bisogno di abbandonarsi a una narrativa totalizzante e chilometrica. Come le grandi letture della sua giovinezza. Sostitutiva della vita? Forse sì, almeno per il non breve tempo della lettura. Paradossalmente, anestetizzante e insieme esaltante. Con una buona dose di regressione: non sono i bambini a divorare un libro, se li appassiona? Come gli antropofagi. E come noi, in questo caso.
Ma non basta: i buoni romanzi-fiume sono, sempre, avvincenti. «Avvincente», cioè qualcosa che ti lega. Sei fatalmente e strettamente legato al tuo libro sino alla conclusione della storia. Alle avventure di Mikael e di Lisbeth (magnifica ultima dei reietti di victorhughiana memoria) nella trilogia di Larsson, come alle peripezie e ai drammi degli antenati di famiglia nell’eccellente romanzo della Fallaci.
Alla fine, purtroppo, sarà il libro a slegarsi da te. Tuo malgrado. L’unica medicina: dimenticarlo; per poterlo rileggere.

Maeve Brennan e l’equilibrio del racconto di ghiaccio

Maeve Brennan (1917 – 1993) è l’autrice del romanzo La visitatrice, presentato negli Scrittori Contemporanei Original della BUR nel 2005. Una vera scoperta letteraria. Nata a Dublino, ha vissuto fin dall’adolescenza negli Stati Uniti. Bellissima e inquieta, ha pubblicato sul “New Yorker” racconti tra i più ammirati della sua epoca, prima di perdersi in anni di solitudine e depressione. Incapace di vivere in una casa, si trascinava da un albergo all’altro, smarrita in una scia di eccentrici lussi e di insolite consuetudini. La visitatrice è un romanzo breve (o piuttosto, per la sua struttura, un racconto lungo) . La ventenne Anastasia, orfana di entrambi i genitori, torna nella Dublino della sua infanzia. La aspetta la nonna, consacrata all’ossessiva memoria del passato, chiusa in un dolore freddo, ancora incapace di perdonare Anastasia che aveva scelto, alla separazione dei genitori, di seguire la mamma a Parigi. In equilibrio tra amore distorto e amore respinto, crudeltà delle situazioni e tersa limpidezza dei dialoghi, si dispiega tra le due donne un duello di sentimenti tanto intensi quanto controllati, che si snoda fino a un epilogo malinconicamente inatteso, una svolta orchestrata con spietata eleganza. Della raccolta di racconti Il principio dell’amore vi segnalo uno scrittura di straordinaria limpidezza. Personalmente credo che il suo capolavoro, equilibrato e spietato sia Storie africane ma mi dicono che ha certamente risvolti interessanti sul piano psicologico ma anche narrativo. Mariti e mogli prigionieri in matrimoni dove l’amore è assottigliato e sciupato, ma non esausto, abitati da ricordi gioiosi e da strane solitudini, vittime di ossessioni sottili, in fuga – solo immaginaria – dalle regole di una riservatezza che scivola in sofferenza. In sei racconti implacabili, che parlano di disamore, di gesti marmorizzati nell’abitudine, di desiderio struggente di felicità, Maeve Brennan sorprende, raggela e incanta.

Questi racconti spietati sono ammirevoli per l’abilità di suggerire qualcosa di devastante in una frase apparentemente innocua, e per le descrizioni, quasi cliniche, dei processi mentali. William Maxwell

Una scrittrice formidabile. Costantemente all’erta, l’occhio acuto come un passero, attenta a cogliere le briciole, i bisbigli, i dettagli della realtà. John Updike

Una buona lettura sul declino dell’estate, e questa volta la raffinatezza della forma soffoca piacevolmente il lento andamento del plot. Imperdibile.

Stieg Larsson e la Trilogia di Millenium - elogio del noir à la suédoise

 

 

Mezzo milione di copie vendute per il primo volume, 350.000 per il secondo e 200.000 per il terzo svaniscono dagli scaffali in pochi giorni: per la Svezia, paese di 9 milioni di abitanti, queste cifre colpiscono. Tradotto in Danimarca, Norvegia, Francia, Paesi Bassi, Inghilterra, Millenium trionfa in tutto il Nord Europa prima di approdare in Italia (editi da Marsilio i primi due volumi Uomini che odiano le donne e La ragazza che giocava col fuoco. Di prossima pubblicazione il terzo). La leggenda nasce dalla tragica fine del suo autore, giornalista d’assalto, antinazista nato nel 1954, colpito da numerose minacce di morte per la sua decisa azione informativa contro l’estremismo di destra, rinascente nella Svezia contemporanea. Larsson muore per un attacco di cuore poco dopo aver affidato al suo editore la trilogia, (ma si favoleggia anche di un quarto volume), che viene data alle stampe senza nessuna strategia di marketing, riservata inizialmente ad un pubblico di nicchia. Invece la storia fa la sua strada, e il poliziesco in salsa svedese piace molto, zeppo com’è di colpi di scena, violenza, criminalità, politica e sesso estremo - ma anche una sana tendenza al trionfo del bene, alla difesa degli oppressi, che tiene l’autore e i suoi protagonisti ben lontani dall’accusa di relativismo etico. Mikael Blomkvist e Lisbeth Salander. Lui giornalista d’inchiesta, palesemente un alter ego dell’autore, perspicace, lavoratore indefesso, uomo di saldi principi, ma anche fascinoso e molto corteggiato, lei la vergine di Norimberga, il personaggio meglio riuscito degli ultimi dieci anni, inquietante ragazza tatuata con spiccate doti di hacker, misteriosa, inquietante, gotica in altre parole. I due individui sono risucchiati in una rete di avvenimenti da districare che vanno dalla droga, alla prostituzione, alle imprese di un serial killer, per poi sfiorare i servizi segreti, le lobby economiche , il mondo della pischiatria e lo spionaggio. Tutto ciò inserito in una tela quotidiana di supermercati di quartiere, docce di mezzanotte, cene di Natale in famiglia e acquisti ai grandi magazzini; insomma un ritratto completo della nostra società, ma soprattutto un imperdibile lettura di pura evasione, mai scontata e soprattutto, finalmente, europea a tutti gli effetti. Un ultimo consiglio: non iniziate la lettura una domenica sera…potreste ritrovarvi ad appoggiare il libro sul comodino alle sei del mattino dopo e andare direttamente in ufficio!