Archive for the 'Parlano di noi' Category

Ottobre con il Teatro della Rabbia - Partecipiamo al SAIE e lasciamo Bellezza Orsini

Il Teatro della Rabbia partecipa quest’anno ad un’interessante manifestazione, abbinata al SAIE, tradizionale fiera dell’Architettura e del design. Accanto agli eventi istituzionali, la manifestazione darà spazio anche ad una sezione OFF. Dal 4 all’8 ottobre 2011 Saie,  in collaborazione con la Provincia di Bologna, il Comune di Bologna, IBC - Regione Emilia Romagna, l’Ordine degli Architetti, l’Ordine degli Ingegneri, Urban Center Bologna e DAPT Università di Bologna, organizza un calendario di eventi che si svolgeranno in diversi luoghi della città e faranno da contrappunto e continuazione ideale a quanto avverrà all’interno del quartiere fieristico.
Per la manifestazione Studi Aperti, la compagnia presenterà lo spettacolo Altrove, liberamente tratto da Le città invisibili di Calvino, nella splendida cornice dello Studio dell’Ing. Silvia Motori, in Via Porrettana, 22 (Bologna). Lo studio si occupa dal 2005 di progettazione architettonica e paesaggistica.
Lo spettacolo, per la drammaturgia e regia di Francesca Migliore, è interpretato da Valentina Palmieri e Nicola Fabbri, con le musiche originali di Roberto Passuti.
Vi aspettiamo il 6 ottobre alle ore 19 in Via Porrettana, 22.
L’ingresso è libero e seguirà un piccolo rinfresco.

Per chi vuole passare un dopo Saie diverso e per chi vuole approfittare dell’accogliente
Bologna, per una piacevole pausa sempre all’insegna della cultura del costruire e dell’abitare.


A Bellezza Orsini per la serata d’addio. Purtroppo nonostante i numerosi riscontri positivi ottenuti nelle ultime due stagioni teatrali, ci troviamo costretti per mancanza di sostegno da parte delle istituzioni, ad abbandonare questo spazio che ci ha regalato momenti artistici di grande intensità e atmosfere magiche di scambio e di ricchezza interiore. Vi proponiamo per la serata d’addio la nostra ultima produzione, per rivedere amici, collaboratori e simpatizzanti e continuare il nostro viaggio altrove, ringraziando gli amici del Teatro dell’Otium con i quali abbiamo lavorato due anni in perfetta comunione d’intenti e di vedute.

 

Tutto il dolore non importa - Raccontare Dino Campana, con Claudio Borgianni e Valeria Ianniello, musiche originali Roberto Passuti, regia video Davide Savaidis, contributi audio Matteo de Angelis, voci recitanti Niccolò Baldari, Nicola Fabbri, Valentina Palmieri, /nel video Dino Campana è interpretato da Antonio Koch, /drammaturgia e regia Francesca Migliore.Lo spettacolo utilizza il doppio binario del linguaggio teatrale e di quello audiovisivo. Accanto a brani di video in forma di biopic, che raccontano la vita di Dino Campana, poeta pazzo incompreso dalla famiglia e dal paese natale, si alternano momenti recitati che inquadrano un episodio particolare di quella vita: l’amore con Sibilla Aleramo.
12 ottobre 2011, ore 21, presso bellezza Orsini, Mura di Pta Galliera, 2 Bologna
Ingresso 7 €. E’ consigliata la prenotazione a questo indirizzo e-mail oppure via sms al 339/7746956 (attendere conferma)

Cambio indirizzo email e newsletter

Per motivi tecnici, il Teatro della Rabbia cambia indirizzo e-mail. Da oggi potete inviare la vostra posta a ilteatrodellarabbia@libero.it. Il vecchio indirizzo resterà comunque attivo fino a fine 2010. Gli iscritti alla newsletter dovreanno cortesemente inviare  una e-mail all’indirizzo suddetto con la dicitura iscrivimi nel subject, altrimenti nel rispetto della legge sulla privacy non potremo più inviare la newsletter.

Vi aspettiamo!

Pierpaolo Zizzi protagonista narratore nel nuovo film di Pupi Avati

Il giovane attore Pierpaolo Zizzi, che ha interpretato per il  Teatro della Rabbia alcuni ruoli dal malinconico al brillante nel 2003 e 2004, dà inizio ad una luminosa carriera cinematografica con l’ultimo film di Pupi Avati, Gli amici del bar Margherita, nel quale il regista, dopo Il papà di Giovanna, torna nella sua Bologna per un film corale. Il film, che vede nel suo cast una folta galleria di volti noti del cinema italiano, tra cui Diego Abatantuono, Laura Chiatti, Fabio De Luigi, Luigi Lo Cascio, Neri Marcorè, Luisa Ranieri, Claudio Botosso, Gianni Ippoliti, Gianni Cavina, Katia Ricciarelli, narra la vicenda epigrammatica del diciottenne Taddeo detto “Coso”, che nella Bologna del 1954 sogna di diventare un frequentatore del  Bar Margherita che si trova proprio sotto i portici davanti a casa sua, in Via Saragozza. Con uno stratagemma, il giovane diventa l’autista personale di Al (Diego Abatantuono), l’uomo più carismatico e più misterioso del quartiere. Attraverso la sua protezione, Taddeo riuscirà ad essere testimone delle avventure di Bep (Neri Marcorè), innamorato della entreneuse Marcella (Laura Chiatti), delle peripezie di Gian (Fabio De Luigi), delle follie di Manuelo (Luigi Lo Cascio), delle cattiverie di Zanchi (Claudio Botosso) e delle stranezze di Sarti (Gianni Ippoliti). Un avvicendarsi di quadretti ora nostalgici ora crudeli, dove il regista sa cogliere lo spirito del periodo con arguzia e commozione, ma senza mai perdere il distacco necessario a suscitare il senso di bonaria ironia, spesso venata di tristezza, che permea ormai da anni il cinema avatiano. Colpisce l’interpretazione di Pierpaolo, che in mezzo a tanti mostri sacri del cinema italiano si muove con disinvoltura e mestiere, padrone dello sguardo che infonde alla macchina da presa una ricca galleria di emozioni che lo spettatore condivide con l’io narrante della storia.  Speriamo di vedere molto presto altre interpretazioni di questa giovane promessa, ma per il momento gli auguriamo che questo film continui il suo percorso di successo soprattutto nel cuore degli spettatori, non solo bolognesi.

Dopo la prima di Rosa di ghiaccio - Lettera aperta a chi c’era e a chi non c’era

 

Poche parole per rivivere insieme con voi -  e soprattutto con quelli che non hanno potuto esserci - i bellissimi momenti della serata di giovedì 23 aprile scorso, quando il nostro spettacolo Rosa di ghiaccio ha trovato la degna cornice entro la quale esprimersi e crescere dentro e attraverso lo sguardo di un pubblico numeroso, attento, straordinariamente sensibile alle più piccole sfumature. Insieme alla sensazione profonda che è possibile condividere un’emozione e farne oggetto di scambio anche con persone sconosciute- che è poi il senso ultimo dell’esperienza teatrale -  un ringraziamento speciale va agli amici del Teatro Ridotto Renzo Filippetti e Lina Della Rocca che hanno reso il nostro lavoro un bellissimo momento di condivisione nel loro spazio denso di richiami messaggi rimandi incontri. Ma desidero anche sottolineare l’alchimia non scontata, specie in tempi di persone ansiose e ansiogene, che ha saputo creare una squadra di lavoro speciale: Fabiola, Nicola, Eva, Davide, Anita, ma anche, nel percorso di preparazione  alla serata Valentina, Fabio, Antonio, Edoardo, Robby, Riccardo, Mauro, Eleonora -  e naturalmente tutti gli sponsor che hanno creduto in noi.

Un abbraccio a tutti e grazie per questa bellissima esperienza.

Francesca

Rosa di ghiaccio qua e là sul web

E’ con piacere che riceviamo segnalazioni di siti che riportano notizia del prossimo spettacolo Rosa di ghiaccio, Ricordi di Romy Schneider (23 aprile 2009, ore 21, Teatro Ridotto, Via Marco Emilio Lepido 255, Bologna). Accogliamo volentieri i link di quanti vogliano promuoverci qua e là sul web!

Ringraziamo le autrici/autori e naturalmente vi aspettiamo tutti a teatro!

Sipario

Suspiria

Pianosequenza

La Repubblica: Blog, precarie & teatro

E’ di ieri l’esauriente articolo sullo spettacolo La rivincita del calzino spaiato. La giornalista Giorgia Olivieri ci dedica la prima pagina della sezione Spettacoli della Repubblica di Bologna, con un ampio excursus sulle ragioni che hanno portato l’autrice e la Compagnia a scegliere di affrontare la riduzione di un blog a spettacolo teatrale. La giornalista relaziona con dovizia di dettagli il percorso dell’autrice del monologo e del blog Francesca Sanzo, e cosa l’ha portata ad diventare una mamma precaria. L’articolo risente però di alcuni tagli, resi necessari da motivi di spazio, che portano a qualche trascurabile approssimazione dei contenuti. Lo spettacolo, interpretato da Anita Giovannini e per la regia di Francesca Migliore è andato in scena con grande successo di pubblico lo scorso 25 febbraio alla Sala Pertini. Al momento è in preparazione una tournée nazionale. Valutiamo proposte di teatri interessati: contacts@teatrodellarabbia.com.